Menu Chiudi

Psicoterapeuta Dinamica

Chi sono

Claudia Bertoni
Claudia Bertoni

Sono un medico in pensione, psicoterapeuta dinamico ad orientamento Analitico Transazionale, iscritta all’albo dell’Ordine dei medici e inserita nell’elenco dei medici legittimati all’esercizio della psicoterapia.

La mia prima specializzazione in Anestesia e Rianimazione, conseguita dopo la laurea in Medicina e Chirurgia, mi ha portato a svolgere un lavoro che mi metteva a contatto con la sofferenza fisica e psicologica delle persone. Con il passare del tempo ho sentito vivo il bisogno di comprendere meglio l’universo del dolore e, partendo da una considerazione olistica, vent’anni fa ho iniziato a dedicarmi allo studio del comportamento e della sofferenza psicologica dell’essere umano. La mia formazione ha seguito percorsi di “Dinamiche relazionali” e Mindfulness fino ad approdare al diploma di Gestalt counsellor che mi ha permesso di approfondire il processo della relazione d’aiuto e il tema della comunicazione. Centrale in questi anni di studio è stato anche il tema della morte visitato nei suoi molteplici aspetti: quelli medici, che ho approfondito presso la scuola di “Cure palliative” dell’ospedale di Verona, e quelli psicologici filosofici e antropologici, che ho potuto conoscere conseguendo a Padova il master “Studi sulla morte e il morire per l’intervento di sostegno e l’accompagnamento”. 

Infine mi sono specializzata presso la scuola di Psicoterapia Psicodinamica Integrata ad orientamento Analitico Transazionale di Padova, realizzando il desiderio di dare risposte ai tanti interrogativi che la vita ci presenta. Il modello Analitico Transazionale, che è parte integrante del mio lavoro, grazie alla filosofia dell’OKness mi permette di “prendermi cura” della persona partendo dal suo essere “Ok”: dare valore all’individuo e alla sua esperienza è la modalità comunicativa che favorisce il processo di ricostruzione. L’Analisi Transazionale permette di utilizzare strumenti chiave che migliorano la consapevolezza di sé, aiutano la riparazione di ferite interiori e contribuiscono a dare un senso ad aspetti difficili della nostra esistenza. 

Mi è possibile inoltre offrire un programma che prevede la formazione di gruppi per la terapia di sostegno ed elaborazione del lutto e di psicoeducazione sul tema del morire (death education).